Intervento di P.Leonardi (USB) al Congresso del sindacato LAB (Paesi Baschi)

Dear comrades

On behalf of the Italian USB, I would like to thank you for the invitation extended to us to participate in your Congress and I wish to express the solidarity and fraternal greetings of all the workers affiliated to our organisation.
We are convinced that this Congress is a very important step for the growth of your union in the Basque country and also for its role at international level.
As you may know, as LAB, also the USB is affiliated to the WFTU and, together with the comrades of the LAB International Department, we are committed to building – also in Europe – a stronger and more widespread class, oriented,  democratic, open and united organization capable of effectively opposing the diktats of the European Union, the European Central Bank and the International Monetary Fund, which are violently attacking workers all over Europe.
The capital systemic crisis, started in the United States with the real estate bubble and the bankruptcy of some merchant banks, is currently affecting Europe and, after attacking Greece, Ireland and Portugal, is now mainly hitting the Spanish State and Italy in a context of inter-European and inter-capitalistic competition.

The results of recent elections in Greece, where prevailed fear and blackmail, objectively away the possibility of reversing the trend in Europe chasing the puppet governments directed by the bankers. Is strengthened policy EU, IMF and the BCE which will continue in the attacks on workers' rights, expropriating peoples in the decisions that affect them, will proceed in the dismantling of the welfare state projects and austerity that are wreaking havoc on the peoples of Europe.

This is already happening with the duty of the Spanish state to require a very expensive loan imposed by the European Union and the European Central Bank to bail out banks that will inevitably lead to an increase in debt for thousands of euro and will weigh on household budgets and workers.

Italy, however, is experiencing a very difficult period in which government and masters are taking advantage of the economic crisis to harshly attack the labour world and re-establish the prominence of capital over productive forces, by trying to wipe out the conquests and achievements that the workers’ movement had made after the Second World War, to turn Italy into a country where wages and labour costs are minimized and it is profitable for multinational companies to invest.  
Prime Minister Monti, who has replaced Silvio Berlusconi and is supported both by centre-right and centre-left parties, is the direct expression of the most aggressive capital and all his Ministers are bankers, managers and professors working for private universities. Monti himself is a direct expression of the European Central Bank; he was President of the Trilateral European section, international advisor to Goldman Sachs and a member of the Bilderberg Managing Board.  
Over the last few months, without any opposition from the trade unions affiliated to the ETUC, the bankers’ government has raised the retirement age to 67 and then to 70 years old; seniority pensions have been eliminated, thus enabling people to exceed 40 years of contributions, the system for calculating pensions has been changed and now entitlements will cover only up to 60% of the last salary.
In the public service sector a spending review policy has been adopted and thousands of jobs have been erased in the public administration; public services have been closed at local level and the contracts turnover has been blocked until 2014.
The government has imposed very heavy taxes at national and local levels on employees’ income, by deciding not to affect rich people and companies. It has introduced a very expensive tax on the ownership of buildings, including the houses in which people live. VAT ( iva)  has already been increased by 1% and in October it will be further raised by 2%, thus reaching a 23% rate. Meanwhile, in Italy, tax evasion is equal to about 120 billion euros per year, the unemployment rate is equal to 10% and youth unemployment amounts to 36%.
As in the Basque country, also in Italy, repressive actions are opposing the class struggle of unionists who are putting up resistance against government decisions and measures. Hundreds of comrades are under trial on charges of having committed offences which are punished with very heavy penalties. Every day the police forces violently disperse and scatter the people participating in demonstrations and sits-in before government and tax authorities’ offices, in streets and squares. Nevertheless, our union movement is continuing its struggle.
The majority stance which is prevailing in Italy is not to repay the debt. What is happening in Greece, where the economic situation is so severe precisely as a result of the repayment of debt designed to support and rescue banks, has opened the Italian workers’ eyes.
Nevertheless, in the meantime, the Italian government is about to enact a law which further worsens workers’ rights and forms of protection in offices and factories. They envisage to cancel the ban to dismiss workers unlawfully and unfairly. Precarious employment is on the increase, whereas subsidies, allowances, benefits and forms of protection for those who lose their jobs are on the wane. Together with other Italian struggle unions and confederations, we have called a general strike on Friday, June 22, 2012 to fight against this law, but also against the increase of tax pressures on workers and their families, and against the reform of collective bargaining and the State pension system: Two demonstrations will be organized in Milan and Rome and we hope that many people will participate.

 

 

------------------------------------------------------------------------------------------------



Cari compagni


A nome dell’USB di Italia vi ringrazio per l’invito a partecipare al vostro congresso e vi porto i saluti fraterni e solidali di tutti i lavoratori aderenti alla nostra organizzazione.
Siamo convinti che questo congresso rappresenterà un passaggio molto importante per la crescita del vostro sindacato nel Paese Basco e anche per la sua funzione a livello internazionale
Come sapete anche l’USB, come LAB, è affilata alla WFTU e insieme ai compagni dell’ufficio internazionale di LAB siamo impegnati a costruire anche in Europa un sindacato di classe, orientato, democratico, aperto,  unitario più forte e diffuso, che sappia contrastare con efficacia i diktat dell’Unione Europea, della Banca Centrale Europea e del Fondo Monetario Internazionale che stanno violentemente attaccando i lavoratori in tutti i paesi europei.
La crisi sistemica del capitale, avviatasi negli USA attraverso la bolla immobiliare e il fallimento di alcune banche d’affari sta oggi attraversando l’Europa, e dopo aver aggredito la Grecia, l’Irlanda, il Portogallo ora sta rivolgendosi soprattutto verso lo stato spagnolo e, all’Italia   in un contesto di competizione inter-europea e inter-capitalista.
I risultati delle recenti elezioni in Grecia, dove ha prevalso la paura e il ricatto, allontanano obbiettivamente la possibilità di invertire la tendenza in Europa cacciando i governi fantoccio diretti dai banchieri. Ne esce rafforzata la politica dell’Unione Europea  dell’FMI e della BCE che proseguiranno negli attacchi ai diritti dei lavoratori, esproprieranno i popoli dalle decisioni che li riguardano, procederanno nei progetti di smantellamento del welfare state e di austerity che stanno portando alla rovina i popoli d’Europa.


Questo  sta già avvenendo con l’obbligo per lo stato Spagnolo di richiedere un prestito molto oneroso imposto dall’Unione Europea e dalla Banca Centrale Europea per salvare le banche che produrrà inevitabilmente un aumento del debito pubblico e graverà per migliaia di euro sui bilanci delle famiglie e dei lavoratori

L’Italia sta vivendo comunque un momento molto difficile in cui il governo e i padroni stanno approfittando della crisi economica per attaccare duramente il mondo del lavoro e ristabilire il dominio del capitale sulle forze produttive, cercando di ribaltare le conquiste che il movimento dei lavoratori aveva ottenuto dopo la seconda guerra mondiale, trasformare l’Italia in un Paese in cui salari e costo del lavoro, siano ridotti al minimo e diventi conveniente per le multinazionali investire in Italia.  
Il Premier Monti, che ha sostituito Berlusconi ed è sostenuto sia dai partirti di centro destra che da quelli di centro sinistra, è espressione diretta del capitalismo più aggressivo e tutti i suoi ministri sono banchieri, manager e professori delle università private. Lo stesso Monti è espressione diretta della BCE, è stato presidente della sezione europea della Trilateral, international advisor di Goldman Sachs e membro del comitato direttivo di Bilderberg  
Nei mesi scorsi, nell’assoluto silenzio delle centrali sindacali aderenti alla CES, sono stati innalzati dal governo dei banchieri i parametri per andare in pensione arrivando subito a 67 anni per poi arrivare a 70 anni; è stata eliminata la pensione di anzianità consentendo di superare i 40 anni di contributi, è stato manomesso il sistema di calcolo delle pensioni che da ora in poi coprirà solo fino al 60% dell’ultimo salario.
Nei servizi pubblici è stata adottata una politica di spending rewue e sono stati cancellati migliaia di posti di lavoro nel pubblico impiego, sono stati chiusi servizi pubblici sul territorio, bloccati i contratti fino al 2014.
Il Governo ha imposto tasse molto pesanti a livello nazionale e locale sui redditi da lavoro dipendente, salvando i ricchi e le imprese, ha introdotto una tassa molto onerosa sugli immobili, compresa la casa di abitazione, ha già aumentato l’IVA dell’ 1% e a ottobre la aumenterà di altri due punti arrivando al 23%. Intanto in Italia l’evasione fiscale è pari a circa 120 miliardi di euro annui, la disoccupazione è al 10% e quella giovanile addirittura al 36%.
Anche in Italia come nei Paesi Baschi la repressione sta colpendo pesantemente le avanguardie di lotta i sindacalisti che si oppongono alle decisioni del governo. Sono ormai centinaia i compagni sotto processo a cui vengono attribuiti reati puniti con pene pesantissime. Ogni giorno la polizia sgombera violentemente presidi e sit-in che si svolgono davanti agli uffici del governo, davanti agli uffici delle tasse, nelle strade e nelle piazze. Comunque il movimento non si ferma.
La posizione che sta diventando maggioritaria tra il popolo italiano è quella di non pagare il debito. Quanto sta accadendo in Grecia, in cui la situazione economica è diventata gravissima proprio a causa del pagamento del debito per sostenere le banche, ha aperto gli occhi ai lavoratori italiani.

Ma intanto il governo italiano sta ora per varare una legge che peggiora ulteriormente le tutele e i diritti dei lavoratori nelle fabbriche e negli uffici. E’ prevista la cancellazione del divieto di attuare licenziamenti illegittimi e immotivati; si allargano ulteriormente le forme di lavoro precario e si riducono i sussidi e le tutele per coloro che perdono il lavoro. Contro questa legge, ma anche contro l’aumento della pressione fiscale sui lavoratori e sulle famiglie, sulla riforma della contrattazione collettiva e del sistema pensionistico pubblico, venerdì 22 giugno abbiamo proclamato uno sciopero generale, con altre organizzazioni e confederazioni di base italiane, durante il quale ci saranno due manifestazioni a Milano e a Roma che speriamo siano molto partecipate.

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni