LAVORATORI PRECARI CRI: FINALMENTE LA CONVERSIONE!

Roma -

 Nella tarda serata di ieri, martedì 28/2, il Senato della Repubblica ha finalmente approvato la conversione in Legge del Decreto 10/1/2006 n. 4 concernente "Misure urgenti in materia di organizzazione e funzionamento della Pubblica Amministrazione" e contenente, all’art. 5, la "sospirata" proroga per tutto l’anno 2006 dei contratti a tempo determinato della Croce Rossa Italiana già scaduti o in scadenza nel corso dell’anno.
La conversione, con modifiche irrilevanti, arriva, com’era accaduto per il varo del decreto legge, a tempo quasi scaduto, a Camere ormai sciolte e campagna elettorale già avviata, ad appena 10 giorni dalla decadenza del decreto, dopo persino una prima bocciatura alla fine di gennaio scorso.
Occorre ora recuperare il tempo inutilmente perduto nell’attesa della conversione e ridare forza e slancio all’azione sindacale tesa alla stabilizzazione entro l’anno 2006 di tutti i lavoratori precari CRI, rilanciando ovviamente in primo luogo ed in tutti i modi le iniziative finalizzate all’attribuzione alla Croce Rossa da parte del Governo delle necessarie deleghe.
A tale riguardo si ritiene opportuno ricordare che la prima proposta seria ed articolata in tal senso, formulata dalla sola RdB - SiNaDiCRI nel lontano novembre 2004, rimase all’epoca senza alcuna risposta da parte dell’Amministrazione.
Ci auguriamo che la nuova recente proposta, redatta unitariamente da tutte le sigle sindacali (escluso lo SNACRI) insieme al Coordinamento Nazionale Precari, incontri oggi maggiore ascolto ed attenzione.
Diversamente la RdB-SiNaDiCRI è determinata a proseguire il percorso di mobilitazione e di lotta, che da sempre contraddistingue il proprio impegno a favore dei lavoratori precari, adottando le iniziative di lotta che riterrà più opportune.

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni