LazioCrea, centri per l'impiego: la regione Lazio internalizzi i lavoratori e le lavoratrici del settore privato che vi operano

Roma -

L’imminente avvio del reddito di cittadinanza vede protagonisti i centri dell’impiego che dovranno essere potenziati anche attraverso nuove assunzioni presso le Regioni cui sono state trasferite le competenze.
Nei centri per l’impiego della Regione Lazio, attualmente prestano servizio sia lavoratori pubblici che lavoratori del settore privato pur svolgendo le stesse mansioni.

Per far fronte all’incremento del servizio, Capitale Lavoro, Soc. partecipata della Provincia, ha ceduto 160 lavoratori tramite affitto di ramo di azienda per un periodo di circa 24 mesi a LazioCrea, azienda partecipata della Regione Lazio, con l’avallo o, se vogliamo, la complicità della stessa Regione Lazio, che non si pone il problema di che fine faranno alla fine dei 24 mesi previsti.

USB Lavoro Privato è fermamente convinta che l’occasione del reddito di cittadinanza, e le risorse economiche stanziate dal governo, offre l’opportunità ai 19 lavoratori di LazioCrea e ai 160 di Capitale Lavoro ceduti, la risposta tanto attesa di internalizzazione, superando tutte quelle anomalie che attualmente vedono lavoratori pubblici e lavoratori privati compiere lo stesso lavoro ed avere le stesse mansioni ma in una illogica disomogeneità di contratto e di inquadramento professionale e retributivo.

Per USB Lavoro Privato la vertenza sui centri per l’impiego è un primo passo di un progetto di più ampio  respiro sulla battaglia di stabilizzazione nei ruoli Regionali di tutti quei lavoratori e di tutte quelle lavoratrici che operano all’interno della Regione Lazio.
E’ possibile ipotizzare, in risposta alle esigenze di rinnovo della pianta organica del Pubblico Impiego, accelerata dagli imminenti pensionamenti, attraverso regole di ingresso compatibili con la legislazione vigente, un graduale assorbimento dei dipendenti delle Soc. partecipate nei ruoli Regionali, trattandosi di lavoratori già formati e qualificati nei vari settori di competenza.

Basta precarietà e appalti nella pubblica amministrazione

Per la reinternalizzazione dei servizi e dei lavoratori

Per servizi pubblici efficienti

Contro la logica di governo e regione che intendono  potenziare con lavoratori precari i centri per l’impiego, proprio quei centri che dovrebbero aiutare precari e disoccupati a trovare lavoro.

USB – Lavoro Privato

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni