lsu della Protezione Civile della Regione Campania occupano la sala operativa per l'emergenza sismica

Napoli -

Protesta responsabile dei lavoratori socialmente utili della Protezione Civile della Regione Campania.   La Regione  accolga immediatamente le richieste di LSU che stanno manifestando con dignità e senso di responsabilità,  e assuma la decisione di stabilizzare tutti i 35 precari senza contratto con la motivazione di intervento  di somma urgenza per  lo svolgimento di servizi infungibili ed essenziali”, visto che le emergenze sono ormai all’ordine del giorno!!!

 Trentacinque tecnici,  quasi tutti ingegneri e  architetti, e  diplomati,  turnisti h 24 stanno occupando la Sala Operativa regionale per il  mancato pagamento delle spettanze, il depauperamento delle attività funzionali, la riduzione dell’orario lavorativo e la completa chiusura alla possibilità di assunzione  dopo un precariato di oltre 15 anni.

Anche se in agitazione, i tecnici garantiscono i servizi essenziali ed eventuale emergenza, raddoppiando i turni e continuando  a monitorare e vigilare il territorio Regionale, visto gli ultimi eventi sismici verificatesi anche nella Regione Campania e sono  disponibili  a recarsi in Emilia per essere coinvolti e utilizzati, vista l’esperienza ultradecennale  nei rilievi di agibilità degli edifici coinvolti dal sisma.

Intanto la Regione Campania, a fronte di un aumento del carico di lavoro per fronteggiare eventi catastrofici, oltre rifiuti, diossina, accoglienza immigrati, ha operato un taglio alla retribuzione, con riduzione dell’orario di lavoro, e il mancato  pagamento dello straordinario da cui  non possono sottrarsi. I tecnici precari, dal ‘96 al 2000 hanno lavorato per la stesura della mappa di pericolosità per la mitigazione del rischio sismico sui rilievi della vulnerabilità degli edifici pubblici, strategici, speciali e monumentali, hanno partecipato al rilievo e verifica di agibilità degli edifici durante gli eventi sismici nella regione Abruzzo; per il supporto di  tre campi di accoglienza hanno ricevuto un attestato di Benemerenza dalla Presidenza del Consiglio.

Nonostante abbiano contributo a costruire e gestire di fatto il servizio della sala operativa regionale in rapporto 35 a 5 con i dipendenti di ruolo,   la Regione non intende stabilizzare il rapporto di lavoro. 

Emblematico esempio della scarsa  considerazione,  quando non del disinteresse, verso il personale e i servizi preposti al controllo e alla  prevenzione, con la irresponsabile e colpevole  riduzione di spesa e tagli al personale,  e i risultati che vediamo:  costi altissimi di distruzione e vite umane,   morti sul lavoro,  incalcolabili danni economici e al patrimonio artistico e culturale.

 

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni