Milano: assegnazione e dislocazione automezzi

Milano -

Comunicato ai lavoratori

 

Abbiamo ricevuto per conoscenza, la risposta del comando inerente la dislocazione e la rotazione delle aps di nuova assegnazione. A nostro giudizio, i dati contenuti nel documento, giustificano ampiamente la decisione adottata, che di fatto anticipa di qualche mese le indicazioni descritte nella nota n° 4418/4501 del 27/8/04 dell’Ufficio Area VI° Macchinari.

Chiariamo che la proposta fatta nel settembre del ‘04 dal Comando, in sede di riunione della Commissione Automezzi, inerente la rotazione dei mezzi pesanti, trovò contrari tutti i componenti dell’organismo, ivi compreso il delegato RdB, in quanto ritenne possibile tale soluzione solo nel caso in cui l’amministrazione avrebbe assegnato automezzi in relazione allo stato d’uso e con cadenze che limitassero un precoce invecchiamento degli automezzi. A tal proposito è bene ricordare che ad oggi, sono state assegnate 6 APS!

Conseguentemente, la RdB non disconoscendo quanto affermato in Commissione, condivide i criteri adottati, che segnano una eclatante inversione di tendenza nel nostro Comando. Infatti, visto che spesso in passato gli automezzi venivano dislocati su pressioni locali, accontentando di volta in volta vari personaggi, che poi lo trasformavano in consenso personale (leggi: personalpoliticosindacale).

Pratica che avveniva solo poco tempo fa!

Per ulteriore informazione e chiarezza, riportiamo i dati contenuti nella nota ricevuta, inerenti i trasferimenti sul capitolo 1984 (spese settore automezzi), i quali hanno subito una consistente riduzione, a fronte dell’aumento dei costi di mano d’opera, ricambi e gasolio; quest’ultimo solo pochi anni addietro costava meno di 1000 lire al litro, mentre oggi supera abbondantemete 1 euro (oltre 2.000 delle vecchie lire).

Tenendo presente che i nostri mezzi pesanti, consumano una media di 1 litro ogni 1,5 km…fate voi due conti!

 

Anno 1998 £ 3.446.000.000 Pari euro 1.779.710

Anno 1999 £ 2.535.000.000 Pari euro 1.309.218

Anno 2000 £ 2.460.000.000 Pari euro 1.270.484

Anno 2001 £ 2.870.000.000 Pari euro 1..482.231

Anno 2002 £ 2.388.718.000 Pari euro 1.233.669

Anno 2003 £ 2.488.106.000 Pari euro 1.285.000

Anno 2004 £ 2.321.587.000 Pari euro 1.199.000

Anno 2005 £ 2.253.818.000 Pari euro 1.164.000

 

nell’evidenziare anche il costante decremento dei finanziamenti dal ’98, si sottolinea che tale anno ha segnato l’inizio di una intensa attività sindacale della RdB di Milano nel settore automezzi.

Oggi, a distanza di 8 anni, viene dimostrato quanto determinante è stato tale settore: Chi deteneva la gestione di questo capitolato, anni bui in cui la RdB, fù l’unica os ad informare il personale sulle scandalose ristrutturazioni di APS, AS, ABP, che andavano invece demolite.

Come non ricordare anche i comunicati di denuncia inerenti i deficit strutturali di Euro e City Fire? E il fatto che sempre la RdB ha rivendicato che i parametri inerenti al dislocamento dei mezzi pesanti, fossero vincolati al numero di interventi, alla distanza dal comando, alla vicinanza ad altri distaccamenti ed ai Km percorsi?

Si elenca in sintesi quanto trasmesso (solo per le APS) circa la statistica degli interventi effettuati nel 2005

 

Zona Nord futura provincia Monza/Brianza perm presenti 3 APS n° interventi 3102

Zona Nord futura provincia Monza/Brianza Vol presenti 3 APS n° interventi 999

Zona Sud città e provincia sardegna Darwin Cuoco presenti 3 APS n° interventi 9143

Zona centro città e provincia centrale B.Marcello presenti 2 APS n° interventi 6976

Zona Nord Sesto.San.Giovanni presenti 1 APS n° interventi 2042

Zona Ovest Legnano presenti 1 APS n° interventi 1409

Zona Est gorgonzola presenti 1 APS n° interventi 1111

Zona Ovest sud distaccamenti Volontari presenti 4 APS n° interventi 1775

 

E’ evidente che la decisione di dislocare APS di 1 anno, nel creare malumori in chi riteneva invece dovuta l’assegnazione di automezzi nuovi, ha innescato processioni e pressioni presso gli uffici competenti ed il Comando stesso, da parte di vari personaggi.

Attività che qualche anno fa, avrebbero probabilmente sortito il loro effetto.

Nella tabella sopracitata si evidenzia anche una evidente sproporzione nel dislocamento dei mezzi in funzione al numero di interventi (come abbiamo avuto modo di denunciare col comunicato del 15/2/05). In quanto in tutta la zona sud vi erano e vi sono tuttora, solo 3 distaccamenti presenti con 3 APS, che anno effettuato 9143 interventi.

Mentre invece al nord sono presenti 6 APS con 4.101 interventi.

Riguardo alla Zona Nord (futura provincia Monza/Brianza), sono stati previsti 1.600.000 euro per l’acquisto di automezzi in qualità di nuovo comando prov. (nota trasmessa dal Ministero al Comando).

Quello che preoccupa la RdB, sono le continue aperture di nuovi distaccamenti volontari, per i quali sembra non esistano regole precise, sembrerebbe che basti “recuperare” una aps (che poi però andrà a gravare sulle spese del cap 1984) ed un luogo dove custodirla, per diventare una nuova sede di volontari.

Con questo ritmo, avremo non solo una Autopompa per comune, ma forse anche una per frazione!

Nell’assemblea nazionale di Firenze del 1° marzo, La RdB chiederà che il proprio Coord Nazionale, faccia un esplicito intervento presso l’amministrazione, per comprendere se esistano regole certe da rispettare in questi casi.

In particolare sul numero di personale minimo per costituire un distaccamento volontario, se vengono rispettati i parametri e i tempi d’intervento, ed a chi spetta il controllo.

 

In conclusione la RdB Milano confida che l’Amministrazione centrale area VI macchinari, proceda con le indicazioni da essa enunciate (la rotazione dei mezzi dopo un periodo di 2 anni con nuovi mezzi ed i mezzi sostituiti verranno assegnati a comandi con minor carico di lavoro ) a sostegno dell’iniziativa del Comando Provinciale di MILANO.

In allegato:

1- la nota del Ministero prot.n4418/4501 del 27 agosto 2004;

2- la risposta del dirigente provinciale di Milano.

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni