Opera Nazionale di (Ex) Assistenza!

Roma -

La polizza assicurativa si è rivelata per quello che è "una sanguisuga"

 

 

Lavoratori,

come ricorderete negli anni passati la Rdb-Cub, è stata sempre contraria alla stipula di una polizza nei modi prospettati nelle sedi dipartimentali perché ha sempre ritenuto che un ente di assistenza come il nostro non avesse necessità di rivolgersi ad un’altra società per assistere i propri dipendenti.

Inoltre il costo, 6 miliardi e mezzo delle vecchie lire, oggi 3 milioni e mezzo di euro, più tutte le somme che i singoli dipendenti hanno versato stipulando polizze personali per il nucleo famigliare, ci spinsero al voto contrario, ritenendo che si poteva benissimo far fronte come ONA alle richieste del personale, con più oculatezza, in forma diretta e spendendo meno.

Dopo anni di saccheggio di denari dei lavoratori vigili del fuoco, a fronte di esigue spese sostenute a favore degli assistiti, ci informano che il rapporto sinistro/premi dell’anno in corso registra un andamento elevato tale da rendere impossibile per la compagnia aggiudicatrice mantenere il contratto per altri tre anni, rendendosi, indubbiamente, disponibili a riesaminare i termini del contratto su diverse basi che possano riequilibrare l’andamento.

Per tali motivi è stata convocata la commissione dell’ONA alla quale sono state prospettate alcune ipotesi:

a) diminuzione della diaria giornaliera

b) scorporo dei famigliari

c) aumento del premio annuale circa 700 mila euro in più

Ipotesi che sono state avallate dalle organizzazioni sindacali di categoria ad esclusione della RdB-Cub, che ha ribadito la propria contrarietà ad arricchire continuamente le compagnie di assicurazioni che in termini di ritorno ai lavoratori, dalle notizie non del tutto esaltanti che ci pervengono, sono estremamente inadeguate.

I centri di soggiorno estivi ed invernali sono stati volutamente eliminati, i contributi ordinari hanno subito tagli da macellai, quelli periodici affettati con la sega ed elargiti in forma discrezionale !!

Ora dopo anni di arricchimento da parte delle assicurazioni si vuole giocare al RIBASSO

non facciamoci ulteriormente depredare!

 

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni