PARTE LA MOBILITAZIONE NAZIONALE. 20 GIUGNO A FIRENZE DAVANTI ALLA PREFETTURA.

Firenze -

Primo appuntamento nazionale per la mobilitazione lanciata a termine della riunione di Livorno del 25 maggio scorso di Abitare nella crisi che prevede per le date del 18/20 giugno iniziative di presidio davanti a luoghi istituzionali, per richiedere la moratoria di tutti gli sfratti e degli sgomberi, l'abolizione dell'Imu sulla prima casa, il blocco degli aumenti degli affitti, delle dismissioni speculative e del pagamento dei mutui per chi, grazie alla crisi, sta diventando insolvente.

Mercoledì 20 giugno ore 10 sotto la PREFETTURA, Via Cavour

PRESIDIO MANIFESTAZIONE

di sfrattati e senza-casa


La crisi economica genera disperazione e rabbia, frustrazione e depressione. Spesso intere famiglie, ma anche giovani coppie e anzian,i si trovano da soli ad affrontare una vita quotidiana fatta di costi esosi, una vera rincorsa per organizzare la propria sopravvivenza...
A Firenze sono oramai cinquemila i nuclei familiari, i giovani, gli anziani vittime dei provvedimenti esecutivi di sfratto. Nei quartieri del capoluogo toscano ogni giorno la Polizia e gli Ufficiali Giudiziari si presentano in quattro portoni...
Inutile dire che la stragrande maggioranza dei provvedimenti esecutivi sono per morosità incolpevole...
Ma in emergenza abitativa vivono anche milleduecento uomini, donne, giovani e bambini degli stabili occupati bersaglio di provvedimenti di Magistratura e Polizia.
Davanti ad una situazione dramamtica le Istituzioni competenti come il Comune offrono una manciata di alloggi in edilizia pubblica che non coprono neanche l'uno per cento del fabbisogno reale...e neanche l'intrvento dei servizi sociali serve a migliorare le cose, servizi che spesso intervengono in forme inappropriate a comprendere la situazione reale delle persone.
Una vera e propria "danza immobile" dove tutti giocano sulla pelle di migliaia di persone...
Manca il Coraggio di affrontare la situzaione. Mancano scelte decisive come le requisizioni ai grandi proprietari, l'AUTORECUPERO degli stabili sfitti, la realizzazione di nuove case popolari, senza bisogno di cementificare ancora...

Intanto si rafforzano nei quartieri le reti di solidarietà e di mutuo soccorso, strutture nate proprio per non lasciare nessuno solo davanti al proprio destino...
Mentre il governo applica in modo indecente l'IMU sulla prima casa e le Banche continuano a sfrattare giovani che non riescono a pagare i mutui...

PER QUESTE RAGIONI IN TUTTA ITALIA MERCOLEDI' 2O GIUGNO SFRATTATI E SENZA CASA SARANNO NELLE PIAZZE PER IMPORRE UNA SOSPENSIONE DI ALMENO UN'ANNO DI TUTTI GLI SFRATTI E SGOMBERI DI STABILI OCCUPATI

GLI SFRATTATI E OCCUPANTI DEL MOVIMENTO DI LOTTA PER LA CASA DI FIRENZE

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni