PRECARI DEL COMUNE DI FIRENZE

Firenze -

Lunedì 6 Febbraio continua la mobilitazione dei lavoratori precari del Comune di Firenze. Mobilitazione che mira alla stabilizzazione dei posti di lavoro, contro ogni forma di precarietà della vita innescata dalla precarietà del lavoro. Sono ormai oltre due mesi che come lavoratori precari facciamo sentire la nostra giusta protesta in Consiglio Comunale, protesta che ha scosso il Palazzo ed ha portato alla ribalta per la prima volta nel Comune di Firenze, la vastità e la gravità del problema del precariato stesso, problema sul quale troppi soggetti politici e non volevano stendere un velo di silenzio. Abbiamo infatti in questi mesi assistito spesso ad indifferenza e talvolta ad insofferenza verso le nostre legittime richieste, perché il problema lavoro per troppi politici è solo un problema da "accademia" o da false promesse elettorali, mentre noi lo viviamo quotidianamente sulla nostra pelle.
Lunedì saremo lì in Consiglio oltre per dire no a precarietà, flessibilità ed esternalizzazione dei servizi, anche per rivendicare l’immediata apertura di un tavolo di confronto con l’ Assessore al Lavoro a tutto campo, ove si esca dalle nebbie delle enunciazioni di principio e si vada al nodo del problema, perché l’analisi della situazione è già stata fatta, l’ordine del giorno in Consiglio è stato approvato, si tratta ora di passare realmente ai fatti.

COLLEGHI PRECARI . RILANCIAMO LA MOBILITAZIONE§
PERCHE’ IL NOSTRO TEMPO E’ ORA !
Lunedi 6 febbraio ore 15.00 tutti/e a Palazzo Vecchio
LAVORO, SALARIO, DIRITTI E DIGNITA’
BASTA SFRUTTAMENTO E PRECARIETA’
Coordinamento Lavoratori Precari Comune di Firenze RdB -CUB

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati