Quando il cittadino paga due volte

Firenze -

Il Ministero degli Interni mira all’autofinanziamento riducendo lo standard di sicurezza su Firenze

 

 

Ogni anno la Regione Toscana fa una convenzione con il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco che, dietro esborso di denaro da parte dell’ ente territoriale, si impegna a garantire una squadra dedicata all’ antincendio boschivo.

Fino allo scorso anno il servizio veniva reso da personale VVF libero dal servizio con orario pagato come straordinario. Dato l’ esiguo compenso (6,15 € ora), i ritardi di oltre un anno nei pagamenti e quanto altro, nel 2004 non ci sono stati i volontari sperati, anzi ve ne sono stati un numero esiguo, circa uno al giorno, contro i 5 necessari.

La regione paga quindi il servizio và reso, la squadra boschiva è ad Empoli ed allora come fare ??

Semplice, una squadra da Firenze ovest viene sottratta al servizio ordinario e mandata ad Empoli dove garantisce solo l’ antincendio boschivo.

Per motivi analoghi altro personale (3 unità) viene sottratto per fare servizio a Bilancino a prevenzione degli incidenti ai bagnanti.

Firenze vive questa estate al di sotto degli standard di sicurezza validi per ogni città appartenente al mondo civile.

Il cittadino paga le tasse per avere un servizio di soccorso tecnico urgente, quelle stesse persone che dovrebbero garantirglielo, e che sono in servizio grazie al suo contributo, vengono distratti per rendere un servizio diverso da cui lo stato trae un guadagno.

Il Cittadino è gabbato due volte, paga per un servizio che non usufruisce, i soldi delle sue tasse finanziano coloro che poi svolgono un altro lavoro i cui proventi vanno tutti allo stato, dato che il prestatore d’ opera è già retribuito.

In questi giorni c’ è stato bisogno di tutte le squadre sul territorio e anzi non sono bastate, da domani una non ci sarà più, speriamo che ad avere bisogno proprio di quella siano coloro che si inventano queste nefandezze.

 

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni