ThyssenKrupp, 11 anni dopo: non è possibile dimenticare, non è possibile accettare

Terni -

Sono passati undici anni da quella maledetta notte, da quell'incendio alla ThyssenKrupp che ci portò via sette colleghi, bruciati vivi tra le fiamme della Linea 5, perché chi comandava aveva deciso che fosse inutile investire soldi nella sicurezza dello stabilimento di Torino, destinato alla chiusura.


Le responsabilità sono state individuate, con sentenza definitiva, nel 2016. I colpevoli sono:


Harald Espehnahn (9 anni e 8 mesi)
Gerald Priegnitz (6 anni e 10 mesi)
Marco Pucci (6 anni e 3 mesi)
Daniele Moroni (7 anni e 6 mesi)
Raffaele Salerno (7 anni e 2 mesi)
Cosimo Cafueri (6 anni e 2 mesi)


Ma ancora non si può mettere la parola fine, ancora i nostri colleghi e le loro famiglie non hanno ottenuto giustizia, perché ancora oggi i due manager tedeschi sono liberi.


Liberi, perché la Germania non ha concesso l'estradizione.


Liberi, perché dopo che la procura di Essen, accettando la richiesta del governo italiano di far scontare la loro pena in Germania, ha emesso un mandato di carcerazione, lo stesso non è stato ancora eseguito.


Non possiamo accettare che ancora oggi, chi è stato riconosciuto colpevole dell'omicidio di sette operai, viva tranquillo a riparo dalla giustizia.


RAB Aziendale USB di AST Terni
Federazione provinciale USB Terni

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati