Una bella giornata di Lotta

Bologna -

Oggi le strade di Bologna sono state percorse da un corteo composto da circa 1000 vigili del fuoco provenenti da tutte le città della Regione e da a

I vigili del fuoco dell'RdB portavano striscioni con scritto "TENETEVI LE MEDAGLIE, DATECI IL CONTRATTO", "AL SERVIZIO DI TUTTI, SERVI DI NESSUNO", "NO ALLA MILITARIZZAZIONE DEI VV.FF.", "VIGILI DEL FUOCO INGLESI E FRANCESI HANNO ABBANDONATO LE CASERME…DOBBIAMO FARLO? SE NECESSARIO SI! YES! OUI!".

 

Questi lavoratori sono scesi in piazza con RdB, CGIL e UIL esasperati perché il contratto è scaduto da oltre due anni e l’inflazione ha letteralmente eroso i loro salari.

 

Oltre ad il contratto scaduto è inaccettabile la cronica carenza d'organico (a fronte della mancanza di oltre 15.000 unità la Legge finanziaria prevede l'assunzione di sole 500 unità) e la mancanza di sicurezza (automezzi vecchi di vent'anni, carenza di dotazioni, formazione inadeguata, nessuna assistenza a coloro che possono incorrere in incidenti), che li obbliga a lavorare in condizioni sempre più rischiose.

 

La risposta che il Governo vuol dare a questo stato di cose è la militarizzazione che, attraverso il progetto di Legge Pisanu, andrebbe a stravolgere il ruolo di asse portante delle attività di soccorso e protezione civile. I vigili del fuoco sarebbero ricondotti ad un ruolo subalterno e chiamati a svolgere ruoli sporchi "di ordine pubblico" che già hanno tentato di fare in occasione del G8 a Genova e contro cui i VV.F di RdB scioperarono.

 

Contro tutto questo oggi si è manifestato a Bologna e il 30 gennaio i vigili del fuoco sciopereranno in tutto il paese.

 

Dopo gli autoferrotranvieri anche questi lavoratori che svolgono un attività fondamentale negli interessi della cittadinanza e protezione civile, hanno posto all'attenzione di tutti l'emergenza salariale che di fatto accomuna tutti i lavoratori dipendenti.

 

Per questo una delegazione di autoferrotranvieri in lotta ha partecipato al corteo e quando, durante il presidio che si è svolto sotto la sede della prefettura, hanno parlato al microfono portando un saluto di solidarietà, i vigili del fuoco l'hanno accolto con un fragoroso applauso.

 

Ma la lotta non è finita: il 16 gennaio toccherà ai lavoratori delle Agenzie fiscali che scenderanno in sciopero con l'RdB, anch'essi senza contratto da oltre due anni.

 

DIRITTI! DIGNITA'! SALARIO!

 

 

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni