Varese, entrate e territorio... la lotta prosegue

Varese -

I lavoratori dell’Agenzia delle Entrate e del Territorio, Uffici di Varese, riuniti in assemblea, aderendo allo stato di agitazione, proclamato dalle OO.SS. nazionali a seguito del mancato rinnovo del contratto di lavoro, e per:

-         l’ aumento del buono pasto da € 4,65= a € 7,000;

-         l’inserimento dell’indennità di amministrazione nel calcolo della liquidazione;

-         l’eliminazione della trattenuta per periodi di malattia inferiori ai 15 giorni;

  hanno deciso all’unanimità di attivare le seguenti forme di protesta:

  • Scrupolosa osservanza degli ordini di servizio con rigida applicazione delle mansioni di appartenenza;
  • Blocco totale delle prestazioni di lavoro straordinario;
  • Astensione dall’uso del mezzo proprio per attività esterne. Richiesta dell’anticipo di spese di missione del 75% come previsto dalla normativa vigente per le eventuali attività esterne;
  • Astensione dal fornire risposte a quesiti telefonici;
  • Assemblee giornaliere della durata di 60 minuti sino alla soluzione della vertenza;
  • Rigida applicazione della normativa in materia di igiene e sicurezza, con particolare riferimento alla pausa temporale di 15 minuti dopo 120 minuti di permanenza davanti al videoterminali in ottemperanza alle direttive della legge 626, con spegnimento dei computer;
  • Lavorare una singola pratica per ogni numero di prenotazione al front office;

Il presente documento, redatto a cura delle R.S.U., verrà trasmesso, oltre che ai destinatari, anche agli organi di stampa locali.

Le R.S.U. - Uffici di Varese

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni