Vigilanza privata: ancora aggressioni, manca sicurezza. Modificare le regole e tutelare i lavoratori

Salerno -

Nuova aggressione ai danni di una guardia giurata, in servizio presso un autoconcessionario nella zona di Pagliarone di Pontecagnano in provincia di Salerno.

La guardia era intervenuta nell’intento di placare l’incursione di un soggetto che, senza alcun apparente motivo, era intento a danneggiare la vetrina e alcune automobili esposte.

Le immagini svelano la durezza e la freddezza con cui il malvivente aggredisce l’addetto alla sicurezza che ha, comunque, mantenuto i nervi saldi non ricorrendo all’uso dell’arma in sua dotazione evitando un ben più tragico epilogo.

Scene come queste sono ormai ricorrenti nell’ambiente della vigilanza privata dove gli addetti, sempre in servizio in singola unità, si ritrovano a dover affrontare momenti di pericolosa tensione.

C’è l’urgente necessità di modificare le regole della vigilanza.

Le Prefetture e le Questure devono coordinarsi e unitamente al Ministero competente rimaneggiare la normativa con la previsione di nuove direttive operative che, in primo luogo, garantiscano piena sicurezza agli operatori.

Aggressioni, violenze, furti, attacchi ai furgoni portavalori e uccisioni sono anche il frutto di una regolamentazione non più efficiente che lascia alla guardia l’ingrato compito di operare in condizioni sempre più precarie.

Come USB abbiamo chiesto alla Prefettura di Salerno di convocare con urgenza un tavolo di confronto, alla presenza del Questore e delle Società di Vigilanza operanti nella Provincia, affinché si proceda ad un esame congiunto delle effettive condizioni di sicurezza al fine di emanare un’idonea regolamentazione riguardante le metodologie d’esecuzione dei servizi di vigilanza privata.

I tempi e le condizioni di lavoro evolvono e deve farlo, parimenti, anche la normativa applicata.

Gli addetti del settore non possono più essere lasciati soli a combattere una battaglia che vede l’avanzare dello sfruttamento economico, dovuto ad una contrattazione obsoleta e inconsistente, congiuntamente a procedure e direttive ormai non più tutelanti.

USB Vigilanza

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati