Indennità di turno - La contrattazione supera la concertazione !

Roma -

Firmato l'accordo sulle indennità, sui passaggi orizzontali e sulla riqualificazione.

 

 

 

 

 

Lavoratori,

dopo una lunga giornata di contrattazione, nella serata di ieri, si è raggiunto l’accordo tanto atteso relativo ai passaggi alla posizione economica C2 dei dipendenti inquadrati nei profili laureati del settore operativo e attualmente nella posizione C1, le riqualificazioni professionali intese ad agevolare il passaggio del personale dalla posizione A1 alla posizione economica A2, l’indennità al personale nautico e l’indennità di turno per il personale operativo.

In particolare, per questo ultimo punto, l’accordo prevede che venga attribuita la somma di 3 euro per ogni turno svolto a tutto il personale operativo inserito nelle turnazioni 12/24 – 12/48 continuative. L’obiettivo del decreto legge, ottenuto grazie alle mobilitazioni dei lavoratori, ha stanziato ulteriori 10 milioni di euro per i lavoratori del Corpo nazionale è quello di riconoscere un incremento economico per coloro maggiormente esposti al rischio e con uno stato di disagio superiore, dovuto alle turnazioni diurne, notturne, feriali e festive. Tutto questo è stato possibile grazie ad una contrattazione vera che per la prima volta, contro la volontà dall’amministrazione e di un sindacato ha stracciato la concertazione.

Inoltre, si è ottenuto che tale indennità, proprio per il particolare disagio, venga corrisposta a tutti i lavoratori che parteciperanno ad eventi calamitosi nella misura di 12 euro per la prima fase operativa, 9 euro per la seconda fase e 6 euro per la terza fase.

Per il restante personale, che per il momento non beneficerà dell’indennità di turno, le parti si sono date appuntamento entro dieci giorni per un nuovo incontro per individuare altre tipologie di turnazioni con equivalente caratteristiche di gravosità che potranno essere ricomprese nell’articolato del contratto di lavoro.

La RdB-Cub, pur sottoscrivendo l’accordo per rendere immediatamente fruibile la restante parte economica del contratto di lavoro alla maggioranza dei lavoratori, ha allegato una nota a verbale dove ribadisce la necessità immediata di modificare il contratto integrativo per assegnare i riconoscimenti retributivi anche a quel personale non ricompreso nell’accordo, ed in particolare, per i lavoratori in servizio nelle zone insulari e nei distaccamenti disagiati che svolgono orario di lavoro 24/72.

E’ necessario sottolineare l’importanza della chiusura di questo accordo che risolve oltre all’indennità di turno, problematiche relative ai passaggi orizzontali e l’indennità dei nautici, attesa da circa un anno e che ci ha permesso di equilibrare, anche se in minima parte, le retribuzioni dei lavoratori del Corpo nazionale. Ora si tratta di aprire nuovi fronti con il Governo per il rinnovo del secondo biennio cercando di contrattare , maggiori salari e una migliore organizzazione del lavoro a fronte degli impegni sempre più gravosi che il Corpo nazionale è soggetto nella società.

La RdB-Cub è disponibile nell’immediato ad affrontare con i lavoratori tutte le questioni contrattuali in termini di risposte e ritorni economici e normativi. E’ però necessario che in periferia i lavoratori si organizzino per ritirare la delega a chi continua sempre nelle pratiche concertative che, in questi anni, sono servite solo all’Amministrazione e a garantirsi poltrone nel Dipartimento per gestire il Corpo nazionale come una azienda privata in cambio di ”favori”.

Per non cadere in un improponibile ritorno al passato aderisci alla RdB!

In allegato sul sito il testo dell'accordo.

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni